Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Amour - [regia di] Michael Haneke

Un film di straordinario impatto emotivo capace di affrontare un tema difficile come quello della vecchiaia e della disabilità senza alcun compiangimento. Bravissimi gli interpreti, addirittura superlativa Emmanuele Riva in un'interpretazione da antologia. Splendida l'ambientazione in un appartamento dove tutto parla degli anni trascorsi. Film coraggioso e lucidissimo.

Il nastro bianco - un film di Michael Haneke

Splendido film in un rigoroso bianco nero che mi ha fatto ricordare Dreyer ed il primo Bergman. Una descrizione asciutta e tesa dì una comunità in cui alberga una terribile violenza sotterranea. La decadenza di un mondo in disfacimento, mantenuto in vita solo dal rispetto di alcune norme e di certi ruoli, appartiene anche alla poetica della finis Austriae magistralmente descritta nei romanzi di Philip Roth.

Copertina - un film di Ulrich Seidl

Si parte da una grande idea: ambientare la vicenda in una situazione di grande disagio, il caldo insopportabile che mette letteralmente "a nudo" i personaggi. Il tutto, poi, in una periferia anonima, impersonale, appiattita. Così i protagonisti rivelano tutto il loro squallore e la loro alienazione. Mi è venuto in mente l'Antonioni della incomunicabilità.

The judge - un film di David Dobkin

Peccato per alcuni scivoloni nel melodrammatico, perché si tratta di un buon film, con una trama convincente, e con buoni interpreti. Su tutti un ottimo Duvall.

Soldi sporchi - regia di Sam Raimi

Noir tragico molto ben costruito e recitato. Da una deroga alla propria coscienza origina una cascata di eventi che conduce alla disintegrazione dell'animo, della famiglia, di sé stessi.

The German Doctor - un film di Lucía Puenzo

Interessante ricostruzione di un particolare della storia dei gerarchi nazisti fuggiti in Sudamerica. Molto particolare la trasposizione della scellerata idea di una costruzione della razza perfetta dai campi nazisti ad una normale famiglia argentina.