Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

I viceré - Federico De Roberto

1855. Gli Uzeda di Francalanza, discendenti dei Viceré spagnoli della Sicilia, dominano Catania durante il regno borbonico. Rissosi, avidi di potere, malevoli, generosi solo per tornaconto personale, difficilmente suscitano simpatia nel lettore, il quale, per fraternizzare con questa carrellata di brutti ceffi, ci mette un bel po’; eppure, man mano che la storia si dispiega come due grandi ali (magari non proprio d’aquila, forse più di fagiano in fuga da una faina), diventa impossibile non parteggiare, sperare, immaginare, non arrabbiarsi. Di fronte ai piccoli e grandi dolori egoisti, si cede persino alla commozione. Sfilano carrozze, maldicenze, amori tormentati, colpi bassi, tradimenti e gelosie; sfila la storia del nostro paese, la passione politica, gli antagonismi, la ribellione, Mazzini e Garibaldi. Una tela familiare che contiene l’affresco di una nazione: come l’Italia, si può amare e detestare, coi suoi mille chiaroscuri, ma restare indifferenti è impossibile!

Un villaggio di piccole case - Ian Ferguson

“Un villaggio di piccole case” è la storia dolceamara di Ian, un ragazzino trasferitosi con la famiglia nel profondo Nord canadese. Fort Vermilion è divisa in due da un fiume che si può attraversare solo scivolandoci sopra con l’auto quando ghiaccia oppure, quando l’acqua invece scorre libera, con il traghetto guidato da un enorme indiano, il quale stringerà amicizia quasi immediatamente con la famiglia dei nuovi arrivati. Ian cresce un po’ bianco, un po’ indiano e osserva il padre allontanarsi sempre di più da casa; certe cose le capisce, altre meno: di sicuro sa muoversi con destrezza in quel suo Nord selvaggio, sconfinato e forte, come solo i veri sentimenti sanno essere...

Franny e Zooey / J.D. Salinger

Franny è giovane e con un’intelligenza sopra la media, ma vittima di un disturbo alimentare e di una intima tristezza. Zooey, il fratello, le è affezionato, ma, nonostante la poderosa memoria e l’acutezza di pensiero, fatica a trovare la chiave di volta per dialogare con lei. I due fanno parte di una numerosa famiglia di piccoli geni che, tuttavia, non si muove nel mondo con facilità.
Una storia costruita con grande attenzione ai dettagli, la cui lettura scivola via con naturalezza come acqua di ruscello.

Esbat - Lara Manni

Negli anni Duemila, la Sensei, 50 anni e una vita dedicata esclusivamente alla carriera artistica, crea un manga giapponese che si trasforma in cult, con tanto di forum, fan e discussioni calate nel contesto tecnologico dell’epoca (per chi c’era, affioreranno molti ricordi). Quando s’appresta a disegnare le ultime scene della saga, tuttavia, appare uno dei protagonisti partoriti dalla sua fantasia: un demone tanto feroce quanto bello, saltato nel mondo umano sacrificando una parte del corpo per persuadere la donna, tra sesso e violenza, a non eliminarlo dalla scena. Innamorata forse per la prima volta, la Sensei precipita in un tunnel di perversione omicida. C’è però anche un’altra umana in grado di interferire con il mondo dei demoni: si chiama Ivy ed è un’adolescente che, in gita scolastica a Gorizia sui luoghi della Grande Guerra, non ha ancora la minima idea del prezzo che sarà costretta a pagare a causa del suo innato talento…

Una trilogia di Lara Manni.

Ender's game - Orson Scott Card

Ender ha solo sei anni quando viene allontanato da casa per studiare nella Scuola di Guerra e diventare un comandante in grado di guidare le forze umane alla vittoria contro gli Scorpioni, un'aggressiva razza aliena. L'isolamento emotivo è ancora peggiore di quello a cui era sottoposto nell'ambiente familiare, dove l'affetto della sorella compensava almeno in parte il clima di prostrazione generale. Ender deve diventare un killer e fare il suo dovere per salvare l'umanità, ma che cosa si nasconde davvero dentro il suo cuore?

Un classico della fantascienza del 1985, targato Orson Scott Card.

Caverne - Clemens Meyer

Prostitute, clienti, papponi, forze dell'ordine, politica, sfruttamento, piacere, corruzione, economia, mafia, violenza, tenerezza. "Caverne" ci fa ascoltare voci molto diverse, collegate tra di loro stabilmente o solo per qualche attimo, nell'ambiente della prostituzione dell'ex DDR, con tutti i suoi strascichi e ricordi. Colpiscono soprattutto le voci delle sex workers, spesso giovanissime, che si stordiscono con qualche sorso di spumante, facendo sesso e pensando ad altro, nella speranza che il cliente sia uno facile e veloce. Caverne, come forse si sentono loro tra i cavernosi pensieri di magnaccia e clienti. Caverne, perché ogni storia è un antro a parte, dove non sai se incontrerai guano di pipistrello, lampenflora o affilate stalagmiti.

Un brav'uomo è difficile da trovare - Flannery O'Connor

In ognuno di questi racconti emergono la cattiveria e la brutalità che tutto ingoiano, come alte onde voraci, lasciandosi alle spalle un'uniforme distesa di blu(es). Maneggiando questa sostanza narrativa vischiosa ci si sente un po' sgomenti, ma consolati dallo stile nitido eppure descrittivo di questa autrice dalla vita non troppo fortunata.

La natura geniale - di Barbara Mazzolai

Sapete che l'inventore del velcro si ispirò agli uncini che ricoprono il seme della bardana, in grado di allacciarsi ai peli degli animali? E che i treni giapponesi facenti parte della rete Shinkansen ad alta velocità sono stati progettati ispirandosi al becco di un martin pescatore? Questo e molto altro all'interno de "La natura geniale" della biologa Barbara Mazzolai, una delle studiose italiane di micro-biorobotica ispirata alle piante apprezzata a livello internazionale.

Racconti di follia - Patrick McGrath

"Racconti di follia" indaga nevrosi, ossessioni, deliri e fatti inspiegabili. Ogni storia genera un'aura misteriosa, tra gotico e noir, con protagonisti inquieti e inquietanti, che sfuggono alle definizioni che di loro vorrebbe dare un certo ben strutturato concetto sociale di salute mentale. Un'eredità che Patrick McGrath si porta dietro dall'infanzia, essendo cresciuto all'ombra del Broadmoor Hospital, un ospedale psichiatrico inglese di massima sicurezza, dove il padre ricopriva una posizione di responsabilità. McGrath, tra le altre cose, si troverà anche da adulto ad operare nel settore della salute mentale, sebbene un'ulteriore esperienza degna di nota che lo riguarda sia l'aver vissuto per molti anni su una remota isola del Pacifico settentrionale, prima di trasferirsi a New York negli anni Ottanta.

Alla follia - Astrid Medeot

Ho sempre amato i gialli! Quando ho letto la trama di questo libro, sapevo subito che mi sarebbe piaciuto, e infatti non mi ha delusa! Arrivare alla fine e scoprire l’intricato disegno che collega tutto, dopo aver raccolto i dettagli e averli analizzati, mi ha sempre affascinata, e in questo caso mi ha anche sorpresa totalmente!! Ma unendo tutto questo ad una protagonista detective che non si fa mettere i piedi in testa, soprattutto in un ambiente lavorativo come il suo, e con la stupenda ambientazione degli anni ’20 sono stata conquistata all’istante! Le atmosfere dark e suggestive danno sicuramente il tocco in più per rendere il tutto ancora più perfetto! Ho adorato la trama e i suoi personaggi, e anche dopo varie riletture sono riuscita a scoprire dettagli che in un primo momento mi erano sfuggiti, davvero bravissima l'autrice!!