Community » Forum » Recensioni

La forma dell'acqua
3 1 0
Camilleri, Andrea <1925-2019>

La forma dell'acqua

Palermo : Sellerio, 1998

Abstract: Il primo omicidio letterario in terra di mafia della seconda repubblica - un omicidio eccellente seguito da un altro, secondo il decorso cui hanno abituato le cronache della criminalità organizzata - ha la forma dell'acqua (""Che fai?" gli domandai. E lui, a sua volta, mi fece una domanda. "Qual è la forma dell'acqua?". "Ma l'acqua non ha forma!" dissi ridendo: "Piglia la forma che le viene data"). Prende la forma del recipiente che lo contiene. E la morte dell'ingegnere Luparello si spande tra gli alambicchi ritorti e i vasi inopinatamente comunicanti del comitato affaristico politico-mafioso che domina la cittadina di Vigàta, anche dopo il crollo apparente del vecchio ceto dirigente. Questa è la sua forma. Ma la sua sostanza (il colpevole, il movente, le circostanze dell'assassinio) è più antica, più resistente, forse di maggior pessimismo: più appassionante per un perfetto racconto poliziesco. L'autore del quale, Andrea Camilleri, è uno scrittore e uno sceneggiatore che pratica il giallo e l'intreccio con una facilità e una felicità d'inventiva, un'ironia e un'intelligenza di scrittura che - oltre il divertimento severo del genere giallo - appartengono all'arte del raccontare. Cioè all'ingegno paradossale di far vedere all'occhio del lettore ciò che si racconta, e di contemporaneamente stringere con la sua mente la rete delle sottili intese.

47 Visite, 1 Messaggi

Non avendo letto nulla dell'autore, nè visto la serie in tv, ho voluto leggere il primo libro della serie che lo ha reso celebre, nel giorno della sua dipartita. Pur essendo un poliziesco non mi ha preso, anche se mi ha divertito il siciliese...

  • «
  • 1
  • »

1054 Messaggi in 974 Discussioni di 195 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online