Biblioteca Comunale di Fogliano Redipuglia

LL - Bora scura

Quando
19 March 2018
Orario
20:30 — 22:00
Dove
Biblioteca Comunale di Fogliano Redipuglia
Categorie
Libri
Info
Biblioteca Comunale di Fogliano Redipuglia

Presentazione del libro "BORA SCURA : La saga del confine d'Oriente" di Leandro Lucchetti, alla presenza dell'autore (sceneggiatore) e Andrea Ribezzi (scrittore) con letture di Franco Petracco.

Lunedì 19 marzo 2018 alle 20.30, presso la Biblioteca comunale di Fogliano Redipuglia.

Organizzato dal Comune di Fogliano Redipuglia e l'Ass. L'Albero del Melogramma (FB).

Nell'ambito dei Lunedì del Libro.

 

Quando si precipita giù da nord-est a oltre 100 km/h, cielo corrusco e freddo boia che ti penetra nelle ossa, con raffiche di pioggia e nevischio che se non stai attento ti sbattono a terra e rischi di finire in mare, allora è Bora scura. Vento senza pietà che assurge a simbolo dei venti di guerra che spazzano il confine orientale d’Italia. Dopo l’8 settembre 1943 il territorio è occupato dalle truppe tedesche. La zona di operazioni è percorsa da ss e divisioni asiatiche, da repubblichini della RSI, da partigiani garibaldini e da partigiani anticomunisti; da partigiani titini sloveni e croati, ma anche dai collaborazionisti Domobranzi, Ustascia e Cetnici.
Uomini e donne, con le loro esistenze, resistono aggrappandosi alla vita con le unghie e con i denti.
Petro, Alpino in Montenegro, attraversa Bosnia, Croazia e Istria per tornare a casa in Friuli.
I fratelli Radetic sono ideologicamente divisi: il Fascismo vuole l’assimilazione forzata della popolazione slava. Matej rivendica il suo essere croato; Aloisio sceglie di essere italiano.
A Trieste Mussolini promulga le leggi razziali e la Risiera di San Sabba diventa l’unico campo di sterminio nazista in Italia. Loris nel Fascismo inciampa che è ancora un bambino.
Figure femminili si stagliano come decisive protagoniste di un’epopea. Senza le donne non si potrebbe parlare di Resistenza.
Bora scura è guerra feroce e spietata. In guerra siamo tutti cattivi.
Bisogna solo scegliere da che parte stare.